martedì 1 febbraio 2011

Il vademecum del buon blogger

Beh  dopo più di un anno che son diventata una blogger anche io, dall’alto della mia così profonda esperienza, vi lascio l’ultima mia chicca partorita.



Vademecum del buon blogger

Punto primo: caro blogger fatti i ca22i tuoi in generale, sempre.

Punto secondo: caro blogger quando scrivi un post fallo per te e non per gli altri.

Punto terzo: caro blogger fottitene allegramente se non ti commenta nessuno, del resto un post lo devi scrivere per te stesso e quindi…

Punto quarto: caro blogger se qualche collega blogger si lamenta del fatto che tu non ricambi i commenti, della serie “ io ho commentato 10 volte il tuo blog e tu soltanto una volta”, ti è permesso fanculizzare direttamente, seduta stante,  il collega blogger.

Punto quinto: caro blogger rispondi sempre ai tuoi lettori, altrimenti che senso ha? Un minimo di confronto ci deve pur’ essere (a meno che nel commento non si dicano ca22ate universali, a meno che non ti si scriva un commento utilizzando gif brillantinose e porcherie simili, in questi casi è lecito glissare).

Punto sesto: caro blogger evita d’incappare nei “casi umani” ovvero quelli che stanno sul web perché non hanno una vita sociale e smaronano le palle di chi si vuol semplicemente divertire. Se vuoi impegnarti nel sociale c’è tanta gente bisognosa nella vita reale! Via sciò, vai a fare la spesa a un povero vecchietto piuttosto che diventare l’ossessione di qualcuno.

Punto settimo: caro blogger, non essere così coglione da dare nome, cognome, carta d’identità, numero telefonico e contatto facebook, al primo pinco pallino che ti commenta il blog!

Punto ottavo: caro blogger ti è lecito mandare a fanculo il  lettore che al primo post che ti commenta, ti scrive ti voglio tanto bene (e pure se lo fa al secondo o al terzo).

Punto nono: caro blogger non temere di scrivere quello che pensi mai (e questo post ne è testimone!).

Punto decimo: caro blogger se hai un contenzioso con qualche collega, evita lo sputtanamento sul blog,  che dei cavoli tuoi alla gente (almeno quella con le rotelle al loro posto) non gliene frega una cippa lippa.

Punto undicesimo: caro blogger non sparare ca22ate, che tra un post e l’altro, capace che ti scordi di aver detto di essere single e poi ti ritrovi a scrivere un post su quanto è rompicoglioni tua moglie.

Punto dodicesimo: caro blogger sìì selettivo, non dare confidenza a cani e porci, leggi con cura i blog di chi ti commenta , in modo tale da avere elementi sufficienti per capire con quale razza di blogger hai a che fare ( blogger-pervertito,  blogger-morbosopossessivo, blogger-permaloso, blogger-cazzaro, blogger-pesante, etc... etc…)

Punto tredicesimo (e qui, essendo l’ultimo punto, per un attimo ritorno seria): caro blogger fottitene di questo pseudo vademecum scritto per farci due risate, e di mille altre guide, sìì te stesso sempre, non pretendere niente da chi ti legge, ricordati sempre che non si parla di comunicazione “virtuale” a caso, la vita vera i rapporti umani veri sono altro. Possono sì nascere dal web delle belle amicizie, ma solo il tempo e una sintonia di pensiero, potranno dirti che puoi mettere la A maiuscola davanti a quella parolina, se è l’amicizia la cosa che vai cercando. 
Vivi tutto in maniera leggera e non sul piano personale, perché in tal caso non sei un blogger sei solo una persona sola a cui internet fa soltanto male e non bene!

Prosit, alla salute mia e pure vostra!



22 commenti:

  1. Bellissimi i punti due e nove!

    RispondiElimina
  2. ehhhhh ma sai che c'è... me la salvo sta pagina!

    (quanta voglia mi era venuta di metterti un bacio glitterato... ma poi glissi... ehhhhh!)
    :D

    RispondiElimina
  3. Vabbè...sarà pure semiserio il vademecum, ma sai quanto c'è di vero???
    Tutto....
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  4. certo l'anonimato ci rende più forti e potremo raccontare di essere chi non siamo, ma tanto esce fuori sempre lo spessore di ognuno ed è giusto come da tuo vademecum scrivere quello che si pensa. e intanto  proverò subito la spremuta corretta alla salute di una blogger troppo forte....

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto davvero sorridere - sei una blogger da 110 e lode

    RispondiElimina
  6. ????

    che t'hanno fatto???
    e si perchè qualcuno ti deve aver rotto le pa...le!
    dimme chi è che vado e lo stronco con tanti bei commenti del tipo "punto 9"!!!
    ah ah ah

    RispondiElimina
  7. Ma è un ottimo vademecum sicuramente...

    RispondiElimina
  8. D'accordissimo sul punto  2 ,tanto d'accordo che ho addirittura privatizzato il blog.Così quando commento qualcuno non si sentirà in obbligo di ricambiare !!!Bel post !!!E parlo sul serio non sto ironizzando.Io essendo piuttosto possessiva sulle mie cose non lo avrei fatto copiare a nessuno,ma tu sei molto più altruista.

    RispondiElimina
  9. Concordo su tutto! Specie sui punto quattro, cinque e otto.

    RispondiElimina
  10. Bella questa Costituzione dei Blogger :D
    A parte il quinto punto mi sembra di rispettarli tutti. Quello non lo rispetto perchè argomento le mie idee già nell'articolo, dunque è inutile rispondere a chi la pensa diversamente (salvo non mi venga chiesto esplicitamente) :)

    RispondiElimina
  11. il punto 5 per me è difficile! Ho provato, ma poi non avendolo mai fatto per 4 anni (direttamente nei mei commenti intendo) mi viene il dubbio che le persone non leggano la risposta.
    ma ne metterei anche un altro, almeno a me è capitato anche questo: ho ironizzato su una persona a caso anni fa e mi è stato detto da una mia amica( ex)  che non mi potevo permettere di parlare di politica sul MIO blog.... senza parole!

    RispondiElimina
  12. Punto terzo: sì, è vero... però è vero anche che a questo punto si poteva tenere un diario virtuale privato; un blog è fatto anche per ricevere commenti, poi se uno non li ha non è che deve smettere di scrivere, ovviamente :)
    Punto quarto: se io ti visito e commento molte volte e tu mai, un po' mi scoccio e probabilmente smetto di leggerti, o almeno di commentarti... un minimo di scambio mi sembra logico, seppur virtuale (torniamo sempre al punto 13 ;) )
    Punto quinto: io credo che si possa anche decidere di non rispondere, se non ci sembra necessario; certo è che se non si è d'accordo con un commento ricevuto, o se si sta facendo una discussione, rispondere è quasi d'obbligo!
    Per il resto, siamo d'accordo!

    RispondiElimina
  13. ahahahah carino questo post!!! su molti punti sono decisamente d'accordo!! ;)

    RispondiElimina
  14. Ma lo sai che sei SEMPLICEMENTE FANTASTICA???? L'ho intuito dalla prima volta..... e non penso di essermi sbagliata!!!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. Hehehehehe....

    Il punto che mi piace tanto è il 13mo...of course!!!

    Ma sei simpaticissima, Laila, davvero mi sembri Persona allegra e ironica!!!




    Buona notte, ciaooooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  16. Già, il bello e il brutto... Però fa parte di ciò che rende il web qualcosa di  vario e imprevedibile...

    RispondiElimina
  17. Ti Voglio Tanto Bene.

    ed ora rispondi altrimenti dimostri incoerenza: un minimo di discussione ci vuole =)

    RispondiElimina
  18. Guarda, di questo post se permetti ne faccio la mia bibbia personale.
    Ci aggiungerei solo una cosa, che forse è più del buon commentatore che del buon blogger, e cioè che non è necessario dire la propria sempre.
    A me ad esempio è capitato di passare in diversi blog di poesie, e a me non piace la poesia, ma non per questo ho lasciato il commento "Che poesia di merda!", semplicemente ho usato la X e non ci sono più tornata! Ci vuole proprio poco.
    Anzi, guarda, ti do l'ispirazione del vademecum del buon commentatore, perchè io ogni tanto mi ritrovo pure delle gif animate glitterate lampeggianti da 1200 pixel che mi sballano il template come commenti in post che non c'entrano nulla, con scritto "Ciao passa a trovarmi" dove magari io parlavo di un argomento serissimo!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.