venerdì 15 giugno 2012

Nero su bianco

Se lo faccio guardo realmente in faccia i miei problemi e non ne ho voglia.
Succederebbe questo se iniziassi a scrivere, a spiegare il perchè del mio silenzio.
Non c'è nessun blocco, non c'è nessuna mancanza di idee o di cose da scrivere, c'è soltanto un silenzio studiato a tavolino, che forse suonerà egoistico a molti, soprattutto a chi nonostante tutto, continua a venire qui, a leggere, a cercare di capire cosa è accaduto alla solare, divertente e super ottimista Laila, soprattutto per chi lascia un commento nella speranza di una qualche reazione.
Ma è così, e purtroppo non sono in grado, adesso, di cambiare la mia rotta.
Ho tirato i remi in barca e mi lascio trasportare dalla corrente (aspettando il polline...). Ho deciso così.

Magari tutto questo suonerà strano a chi conosce Laila in versione The original,  non un nickname (mica è il mio nome Laila) , ma un nome e un cognome vero: le cinque persone che ho conosciuto su splinder, che mi seguono su blogger, che mi conoscono  "realmente", magari leggendo sulla mia bacheca di facebook si chiederanno " ma... però... sembra che tutto vada bene... il marziano c'è... certo non pubblica tanto ultimamente, non commenta, ma sembra tutto ok..."

Infatti... SEMBRA... TUTTO SEMBRA...

La tempesta la tengo a bada dentro di me. Celata. Nascosta. Perchè altro non riesco a fare adesso.


23 commenti:

  1. Sai ciccia mia, quante me ne sono capitate, eppure quando ero in mezzo a tutta quella tempesta non riuscivo a scrivere nulla. Sono fatta "strana" se così si puo' dire, riprendo a scrivere quando tutto è passato, nei miei momenti sospesi resto lì a rimurginare tra me e me perchè è l'unica maniera che conosco, perchè altro non riesco a fare. Spesso mi mancano le parole, e quando ci sono sono link stupidi un po' scemotti, messi così, al come stai rispondo tutto ok, ma ho tutto un mondo dentro nel quale ci capisco poco anche io. Mi chiedo quando e se torneranno mai le parole, ma non ho fretta, so che prima o poi usciranno.
    Ti abbraccio forte forte che è l'unica ( poca) cosa che riesco a fare, ma forte forte però :*

    G.

    RispondiElimina
  2. e non sai quanto bene mi fa il tuo abbraccio.
    Grazie

    RispondiElimina
  3. non so cosa stia succendo nn lo so proprio.
    io non mollo per ora ti dico. passo a leggerti e commentarti anche se saro' schietta visto che ci siamo lette per qualche anno. se non vedo anche una tua voglia di cercarmi e spiegarmi a parole tue io abbandono tutto...scusa la mia schietezza.

    RispondiElimina
  4. Quello che riesco a fare adesso è questo. Non pretendo la comprensione di nessuno; non sto confidando a nessuno quali siano i miei problemi, nemmeno a chi mi ha scritto privatamente. Passo dai vostri blog e non ho voglia di commentare. Devo farlo per forza? Quanto vale un commento FINTO, lasciato tanto per...?
    Non sono fatta così Annina... I commenti fanno numero, ma non fanno le "amicizie". C'è chi in tutto questo ambaradàn, non ha mai lasciato un commento sotto ai miei post, ma so che c'è, e che "affettuosamente" spera che tutto vada per il meglio. Tante volte le parole non servono proprio a nulla... e... il silenzio dice tanto!

    Non riesco Anna... non riesco a raccontare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io passo ogni volta entro in internet ...leggo i commenti cerco un tuo commento.
      ora so che ci sei anche se non mi commenti e questo mi basta non voglio il numero non lo cerco piu'...da quando sono qui in questa piattaforma ho capito tante cose..ora scrivo per me stessa e per quelle persone che sanno che dietro a questi tasti c'e' anche un volto umano..

      ti abbraccio, sei una delle poche amiche rimaste di splinder spero di nn perderti tutto qui. ti sono vicina.

      annina

      Elimina
    2. Grazie Annina erano queste le parole che mi aspettavo da te.
      Sono in pausa ma ritornerò, tranquilla, continueremo a leggerci e a scriverci, non appena questo momentaccio sarà superato!

      Grazie di esserci!

      Elimina
  5. l'anno scorso un'amica 'virtuale' di splinder, dopo un paio di mesi che non scrivevo più, mi ha inviato un pvt: 'toc, toc.. come va? lo sai che ci siamo. un abbraccio'... inizialmente le ho risposto brevemente, ancora chiusa nel mio dolore, ma poi come un'onda in piena l'ho travolta coi miei problemi, mi ha sostenuto, rincuorato... un transfert inaspettato, fuori dalla relazione psicoanalitica, ma di cui non smetterò mai di ringraziare quella grande, grandissima persona che ho avuto il privilegio d'incontrare... prova anche tu a fidarti di qualcuno. può andar bene anche a te. un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti... sto "importunando" qualcuno con i miei casini, e va un pochetto meglio.

      Grazie mille cara!

      Elimina
  6. A volte può essere utile anche prendersi una pausa e, come scrivi tu, tirare i remi in barca e lasciarsi trasportare senza fare nulla... magari anche solo in attesa di ricaricare i nervi.
    So di essere tra gli ultimi a poter dare un consiglio (non fosse altro per il fatto che ti leggo da poco), però giusto questo: non farlo troppo a lungo.
    Non so cos'è capitato a te, so cos'è capitato a me 6 mesi fa e le mie reazioni sono state (e lo sono tuttora, perchè mica è passata...) molto simili... e posso dirti che a volte quello che ci vuole sono due chiacchiere: pensa a qualcuno la cui compagnia ti sia piacevole (non importa da quanto o da come lo conosci), fatto.
    Anche di altri argomenti, figuriamoci (sono riuscita a buttar fuori qualche boccone amaro solo col Consorte meno di 10 giorni fa, prima che riesca a fare una cosa simile con qualche amica passeranno altri mesi...)... giusto per uscire dal guscio per un po'. E di nuovo in bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto! Grazie a anche a te cara !!

      Elimina
  7. E non dei fare altro.....fa quello che ti senti di fare.
    T' abbraccio forte !!
    charlotte

    RispondiElimina
  8. Io forse sono una di quelle persone che ti segue dai tempi di Splinder e che spesso passa da qui senza commentare. Oggi però un pensiero te lo lascio.
    Non devi far niente se non vuoi. Non devi scrivere qui e non devi commentare altrove. Anche nella vita fuori da qui è così, devi fare solo quello che senti. Eppure da qui sei passata, due righe le ha scritte e questo significa che qualcosa hai in testa, che tutto sommato ti stai muovendo. Presto scoprirai anche qual è il modo migliore per farlo e, quando lo farai, troverai più facilmente la strada per risolvere il tuo problema.
    Un abbraccio.

    PS: Non sottovalutare le potenzialità di mondi come il blog, possono darti più di quanto immagini. Non risposte forse ma tanto sostegno sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Topper... di cuore!!!
      Piano piano sto cercando di rialzare la testa e ritrovare le mie motivazioni. Ne ho parlato con qualcuno che mi è amico da tanto tempo, e va meglio... direi che va decisamente meglio!
      Ancora grazie.

      Elimina
  9. sassiecalamite.iobloggo.com24 giugno 2012 00:55

    Ciao compaesanella, che ti succede...?
    In effetti fa un certo effetto leggerti così seria e avvertire la tensione che viene fuori da ogni tua parola.
    Purtroppo capitano questi periodi, così bui, dove tutto sembra troppo difficile da risolvere, da superare, dove il blog diventa quasi un peso...
    Ma nulla è dovuto, non c'è una regola, quando si ha voglia si scrive e basta e si scrive ciò che viene, non ciò che gli altri si aspettano che tu scriva...
    Chi ti apprezza o ti vuole bene, continuerà a passare dal tuo angolino, aspettando un segnale che dica che hai di nuovo voglia di stare in compagnia e scambiare due parole...
    Ti auguro giorni migliori, più sereni e di ritrovare presto la tua allegria...
    Un abbraccio e pure un bacio...crepi l'avarizia!!! :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille sassi, anche tu sei carinissima veramente!

      Elimina
  10. Era un po' che non passavo, anche perché sono lontana dal mondo dei blog, ultimamente, per tanti motivi.
    Non passo da te con la regolarità di un tempo, ma passo.
    Un abbraccio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti Cla, e grazie anche a te per l'abbraccio!

      Elimina
  11. mi dispiace. forse perché sto attraversando un periodo molto travagliato, posso comprendere il tuo silenzio, il tuo non voler scrivere più di tanto. ti abbraccio, sei libera di scrivere quando vuoi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie trilly, so che ci sei, e so che anche tu non staia ttraversando un bellissimo momento... ma ce la faremo...

      Elimina
  12. mi ha rosicchiato il commento...riprovo...
    concordo col tuo atteggiamento,ognuno fa come si sente, senza pressioni o o bblighi verso nessuno..
    non c'è da pensare male, ci mancherebbe, solo che qualunque sia il problema, passa, prima o poi...questione di tempo
    non è facile, ma in genere funziona
    buona domenica

    RispondiElimina
  13. Spesso le risposte che cerchiamo stanno dentro di noi e hanno solo bisogno di essere tirate fuori; e in questi casi tanto più silenzio si fa intorno a noi tanto più profonda può essere la ricerca "dentro" di noi.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  14. Certo che fa un pò calduccio, ma dei momenti sdraiata sulla spiaggia (meglio sotto l'ombrellone!) a volte aiutano a riflettere e a lasciare liberi i pensieri...
    Questo è quello che faccio quando sono un pò giù (e quando ne ho la possibilità, naturalmente...)
    Provare x credere!
    A presto...
    Un abbraccio...

    RispondiElimina