domenica 31 gennaio 2010

Libertà di nascere... libertà di morire...

Nel post precedente vi ho detto che non avevo manco l’ombra di una schifosissima ispirazione… Beh mi è ritornata! Esattamente è ritornata venerdi stesso, solo che trovo il tempo per scrivere solo ora…
Però più che di ispirazione si tratta di voglia di urlare lo sdegno e il senso di schifo che ho provato guardando uno pseudo telegiornale ( per la cronaca era Studio Aperto che personalmente chiamo Tele curtigghiu). Mò vi dico…

Me ne stavo alla mia scrivania, con la tele accesa che mi faceva da sottofondo: la mia attenzione viene attirata da un nome: Salvatore Crisafulli... Per spiegarvi meglio la situazione vi riporto un articolo trovato sul web:
[…] Martedì 9 febbraio, in Belgio, in una clinica vicino a Bruxelles, a Salvatore Crisafulli verrà praticata un’iniezione letale. Una scelta sofferta che la famiglia del quarantacinquenne paraplegico catanese, entrato in coma vegetativo nel 2003 in seguito ad un incidente stradale, e risvegliatosi nel 2005 rimanendo un disabile gravissimo, ha preso dopo anni di lotte e sollecitazioni allo Stato Italiano al fine di ottenere un piano ospedaliero personalizzato a casa, che non è mai arrivato.

« Siamo rimasti soli e non possiamo più aiutarlo, perché Salvatore ha bisogno di aiuto 24 ore su 24 . Non possiamo fare altro, ci hanno abbandonati al nostro destino, allora meglio farlo morire: lui è al corrente di questa nostra decisione ed è d’accordo». Sono queste le parole che il fratello Pietro, che già in passato aveva minacciato di staccare la spina degli strumenti che tenevano in vita Salvatore, ha usato per annunciare la scelta presa. […]


Credo che sappiate tutti chi sia Beppino Englaro e chi era Eluana Englaro. Un anno fa prima che si ponesse fine al calvario di questa povera donna, le nostre televisioni erano piene zeppe di interviste e reportage; intere programmazioni da Porta a Porta a Matrix, passando per Annozero, si sono interessate al caso. Ancora una volta potere giuridico e potere politico (quest'ultimo in tandem col potere temporale),si trovano  divisi, spaccati di fronte alle richieste di un povero padre, di dare risposte a un esplicita volontà della figlia condannata a una vita che tale non potrebbe essere definita. Dopo un calvario vero e proprio Eluana il 9 febbraio 2009 trova finalmente la pace e muore in seguito all'avvio del processo di sospensione dell'alimentazione e dell'idratazione forzata a cui era da 17 anni sottoposta.

Non sto associando il nome di Eluana Englaro e quello di Salvatore Crisafulli, perchè voglio parlare di eutanasia: lo sto facendo solo perchè ascoltando la notizia nella mia mente è affiorato il ricordo di una lettera ... una lettera pubblicata il 2 aprile 2009 da Pietro Crisafulli, fratello di Salvatore ....

[…] Beppino Englaro si confidò a tal punto da confessarmi, in presenza di altre persone, che ‘non era vero niente che sua figlia avrebbe detto che, nel caso si fosse ridotta un vegetale, avrebbe voluto morire’. In effetti, Beppino, nella sua lunga confessione mi disse che alla fine, si era inventato tutto perché non ce la faceva più a vederla ridotta in quelle condizioni. Che non era più in grado di sopportare la sofferenza e che in tutti questi anni non aveva mai visto miglioramenti. Entrò anche nel dettaglio spiegandomi che i danni celebrali erano gravissimi e che l’unica soluzione ERA FARLA MORIRE […]

[…]E non ho mai reso pubbliche queste confidenze, anche perché dopo aver scritto personalmente a Beppino Englaro, a nome di tutta la mia famiglia, per chiedere in ginocchio di non far morire Eluana, di concedere a lei la grazia, fermare questa sua battaglia per la morte, pensavo che si fermasse, pensavo che la sua coscienza gli facesse cambiare idea. Ma invece no. Lui era troppo interessato a quella legge, a quell’epilogo drammatico. […]

Proprio così, non si è trattato di uno scherzo della mia memoria: ma la stessa persona che chiedeva a Beppino Englaro di non far morire Eluana, oggi dichiara di aver deciso di porre fine alla vita del fratello, perchè non ce la fa più a sostenere la situazione, perchè lasciato solo e abbandonato da parte dello Stato.
Lui non ce la fa più e quindi il fratello deve morire...
No, mi dispiace ma non funziona così!
Se Salvatore Crisafulli avesse, di sua spontanea volontà, deciso di porre fine alla sua esistenza non avrei avuto nulla da obiettare: ritengo che ogni individuo nasca libero e libero debba morire. Ogni essere umano dovrebbe poter disporre della propria vita, senza rendere conto allo Stato (ovviamente fino a quando non fa male al prossimo) e quanto meno alla Chiesa.
Avrei voluto che Pietro Crisafulli chiedesse l'eutanasia per il fratello, perchè non ce la fa più a vederlo in quelle condizioni, perchè Salvatore stesso sofferente chiede di morire, ma non perchè lo Stato non lo aiuta, soprattutto dopo aver puntato il dito contro Englaro in un modo così disdicevole.

Ma quante famiglie vivono un dramma simile? In quali case lo Stato è presente, quando un malato deve essere  curato? Io stessa so cosa significa... ... A casa mia non c'è lo Stato quando nonna deve essere lavata, a casa mia non c'è lo Stato quando nonna deve essere nutrita... Ci siamo io e mia madre.


Io non so più cosa significa uscire con la mia mamma per un gelato, per fare shopping,... perchè nonna da sola non può restare, perchè se esce lei resto io, se esco io resta lei ... ed è così da 5 anni. E anche se è dura, più dura di quanto si possa immaginare, quando entro nella sua camera mi avvicino al suo letto e lei si stringe forte a me e  dice che non mi vuole lasciare, io non sento più il peso del sacrificio, sento solo l'amore che nutre nei miei confronti, vedo solo la gioia di vivere nei suoi occhi  quando scorge me e mia madre accanto a lei.
Mai e poi porrei fine alla sua esistenza perchè lo Stato non mi aiuta... piuttosto morirei io distrutta dalle fatiche...
Lotterei fino alla fine, ma senza sacrificare lei!
Lo farei solo ed esclusivamente nel caso in cui dalla sua bocca uscisse la parola: BASTA ...

Perchè è giusto che sia così, perchè nessuno può decidere della vita altrui, in un senso o nell'altro; che fine ha fatto la legge sul Testamento Biologico ? E certo le priorità del nostro governo sono altre...  Ma ci vuole così tanto a capire che  è un diritto dell'essere umano poter disporre della propria vita?
Personalmente mi sono rivolta a un'associazione l' Exit-italia, ho compilato i miei moduli e spediti a chi di dovere: voglio che qualcuno oltre i miei familiari sappia cosa vorrei nel caso in cui, un giorno dovessi trovarmi in determinate condizioni.

Perchè oltre a pretendere una vita dignitosa, non si può volere una morte dignitosa?


P.S. Ho appena letto che quello dei Crisafulli potrebbe essere un bluff, ovvero una tattica per far si che lo Stato intervenga in loro aiuto: anche se fosse così, mi spiace ma condanno la strumentalizzazione che stanno mettendo in atto della loro situazione a discapito di chi realmente si batte per il riconoscimento del diritto all'eutanasia.E' veramente vergognoso!

14 commenti:

  1. un tema molto delicato tesoro.
    mi piace la tua soffice determinazione nel trattarlo.
    e aggiungo hai fatto bene a compilare quel modulo e un modo per dire anche noi la nostra dato che nessuno ce lo permette con altri modi.

    un baciotto tesoro...stamattina qui a nevicato ora pero' si sta sciogliendo e io resto qui a scrivere ,,,^^

    RispondiElimina
  2. ti lascio un video dello stupendo flm " mare dentro" che tratta questo argomento da te scritto benissimo:)

    "una vita che elimina la libertà non è vita"

    RispondiElimina
  3. Tema difficile direi... ma lo affronti in un modo che affascina.
    Bel post.
    Che poi ognuno ha le sue idee, ma è esprimerle che a volte non siamo capaci...
    Kira

    RispondiElimina
  4. utente anonimo1 febbraio 2010 00:24

    Tu non sei padrona della tua vita... Solo Dio sa quando i tuoi giorni devono finire... Vergognati per le abominevoli atrocità che dici...
    Stai bestemmiando e Dio ti punirà...

    RispondiElimina
  5. @ Anonimo: ... incominciamo bene...
    Il novello/a Torquemada mi mancava nel blog! Si è scordato/a di scrivere...
    VADE RETRO SATANA !!!
    Se permette non tutti sulla faccia della terra credono in Dio e  possono avere un'opinione diversa dalla sua. Io non oso dire VERGOGNATI a chi non la pensa come me...
    E gentilemente la prossima volta abbia la correttezza di firmarsi se le capita di passare di qua... Ma se non capita sarebbe meglio, visto i modi gentili che ha per intavolare una discussione... ( E meno male che è cattolico/a...mah...)
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Beh, ti faccio i complimenti perchè non è semplice affrontare un tema così delicato e tu lo hai fatto esprimendo la tua opinione in modo molto semplice e senza influenzare chi ti legge.

    Detto questo, ti confermo che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Almeno in quel caso.

    RispondiElimina
  7. Tele curtigghiu! Ahaha! xD
    Tornando seri, per certi versi la penso come te... ognuno è totalmente libero di gestire la propria vita come vuole. Ed interromperla se necessario.
    Secondo alcuni la nostra vita appartiene a Dio.. Beh, che si tenga anche i dolori che nella vita dissemina, o che almeno ci lasci la libertà di morire. (Libertà che -tra l'altro- nella bibbia è menzionata come "libero arbitrio", ma di cui la chiesa pare essersi scordata)

    RispondiElimina
  8. Hai toccato un argomento abbastanza delicato e di cui purtroppo abbiamo sentito molto spesso parlare.
    Io non saprei dirti cosa sia meglio, o sia peggio. E' una condizione troppo "forte"...
    Certo e' che non dev'essere stata una decisione facile quella di staccare la spina alla propria figlia... quell'uomo ne avra' passate di tutti i colori e non lo auguro a nessuno.
    Bisogna passarci sopra per capire il senso e il dolore di questo dramma.

    Un abbraccio Cara :*

    RispondiElimina
  9. Questo argomento è molto delicato e francamente condivido al 100% ciò che tu dici....... è vergognoso strumentalizzare le proprie storie a discapito della vera importanza di un tema così delicato che deve assolutamente essere risolto....... penso che sia assolutamente giusto che si possa scegliere di poter esercitare un diritto come l'eutanasia......
    ...... a parte questo, il tuo post mi ha profondamente commossa, tanto da farmi piangere, quando hai parlato dell'Amore che lega te, tua nonna e tua mamma.
    .... è proprio vero...... la felicità viene dalle piccole grandi cose, come l'amore che si può esprimere attraverso soltanto lo sguardo!!!
    ... l'emozione che mi hai trasmesso è stata così forte che ho capito che sei vermente una persona molto dolce, umile e vera.
    Un abbraccio affettuoso....... anche a tua nonna da parte mia!!!!

    RispondiElimina
  10. ...sembra incoscienza, eppure anche la vita è in un certo senso da interpretare.
    E' che mi sembra triste dover scappare, per morire...

    un abbraccio laila
    micky

    RispondiElimina
  11. Oh, beh, un gran bel post. Fermo restando che da parte di certi individui ci sarebbe da aspettarsi qualunque cosa, compreso il bluff per beccare qualche quattrino dal momento che, mi pare di aver compreso, la famiglia di quel poveretto non naviga nell'oro... sarò banale, ma, io credo che ciascuno di noi dovrebbe essere libero di decidere quel che gli pare, decesso incluso. Certo che non dev'essere mica facile, dico, tu decidi di voler morire e questi qui ti portano in un posto, arriva un dottore e tu sai che lì la tua vita finisce. Io non lo so cosa farei. Facile dire le cose a freddo. Ma quando ascolto certi politici mentre pontificano sulla vita e sulla morte mi viene su l'odio, non c'è niente da fare, non li sopporto. Esattamente come quelli che pontificano sulla famiglia avendo due o tre divorzi alle spalle.

    RispondiElimina
  12. Concodro con te al 200%. Bravissima a scrivere questo e a urlare il tuo sdegno a cui aggiungo il mio!

    RispondiElimina
  13. Hai trattato un argomento delicato ed interessante... complimenti!
    Ti lascio un abbraccio
    Giusy

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.